Poi ci sono quelli che “a scrivere questo articolo ci avrà messo venti secondi”. Di fronte a un omicidio…

di G.G. #Lopinione twitter@perugianewsgaia #perdire

 

Ieri abbiamo scritto  poche righe, perché l’azione si commenta da sé, sul tardivo intervento di condanna di Matteo Salvini dell’omicidio di Colleferro dove cinque energumeni senza coscienza, senza cuore e senza umanità, hanno ammazzato a pugni, calci e colpi di arti marziali un 21enne. Poche righe, perché l’atteggiamento del politico non meritava di più. Abbiamo condiviso il pezzo sui gruppi nei quali siamo soliti condividere i pezzi del giornale.

Ci hanno colpito un paio di commenti mirati a deridere l’articolo, e si deride come si può e coi proprio mezzi, quindi mai nel merito, i cui autori si sono guardati bene dal condannare l’omicidio (volontario, pare, almeno dalle ultime indagini) che cinque energumeni esperti di arti marziali hanno perpetrato nei confronti di un giovane continuando a pestarlo anche mentre giaceva esanime al suolo, lasciandolo lì e andandosene a bere una birra come se non fosse successo nulla. Evidentemente per gli autori dei commenti, veri gèni della lampada, pontificare sulla scrittura altrui è più importante di risalire empaticamente alla bruttura rappresentata dall’omicidio ingiustificato, a sangue freddo, praticato in branco (nemmeno i gorilla in natura attaccano in branco, ma il maschio alfa si esibisce in prove di forza senza attaccare). E da questa prospettiva non c’è grande onore in questi Italo Calvino della mutua.

P.S. Nascondere i visi dei presunti autori, che vedete in tutto il loro spavaldo splendore, è una scelta di umana decenza, non una censura…

 

 

(8 settembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: